La Rivista "De Strata Francigena"

logo rivista

Studi e ricerche sulle vie di pellegrinaggio del Medioevo

Si tratta della pubblicazione periodica del Centro Studi Romei, apprezzata in Italia e all'estero per la serietà dei suoi studi e per i qualificati collaboratori di cui si avvale. Esce semestralmente e pubblica saggi di approfondimento e di sviluppo delle tematiche legate agli itinerari delle peregrinationes maiores, nonché studi e ricerche sui diversi aspetti della storia del pellegrinaggio e della viabilità medievale.


ULTIMO NUMERO - LATEST ISSUE

n. XVII/1-2 (numero doppio)(2009)
La via Francigena in Valdelsa: Storia, percorsi e cultura di una strada medievale

Atti dell'omonimo convegno


Dopo poco più di un mese dalla celebrazione del Convegno, escono gli atti de "La via Francigena in Valdelsa. Storia, percorsi e cultura di una strada medievale". Si tratta di quasi trecento pagine che raccolgono i quindici interventi del Convegno tenutosi a Colle Valdelsa, Sant'Appiano di Barberino Valdelsa e Certaldo. Un sincero ringraziamento va ai Comuni valdelsani che hanno promosso il Convegno, ma anche ai relatori che si sono impegnati a consegnare l'intervento durante il Convegno stesso.

Gli Atti contengono interventi di Renato Stopani, Donatella Ciampoli, Luciana Cambi-Schmitter, Riccardo Chellini, Fabrizio Vanni, Federico Cantini, Marie-Ange Causarano, Giorgio Massola, Angelina Magnotta, Gianni Bergamaschi, Giovanni Cencetti, Francesca Allegri, Massimo Tosi, Divo Savelli e Pierfrancesco Amati.

jpg/DSF_Valdelsa_2009.jpg





NUMERI DISPONIBILI - AVAILABLE ISSUES

n. I (1993)

Numero miscellaneo
Contiene saggi di Renato Stopani (un primo su Paolo Diacono e la via di Monte Bardone; e un secondo su Casole d'Elsa), di Alessandra Cenci (sul tracciato tra Fucecchio e Altopascio), di Giovanni Cencetti (su un terzo itinerario della Francigena in Valdelsa).
Recensioni di Francesco Surdich. Notiziario.
(Volume di pp. 72).

[Esaurito presso il Distributore e presso l'Editore].

n. II (1994)

Numero miscellaneo
Contiene saggi di Renato Stopani (su Sainte-Foy de Conques, su Farfa e su Sant'Antimo), di Bianca Capone (sui templari a Borgo San Donnino), di Thomas Szabò (su come la Svizzera difende e riscopre le sue strade storiche), di Giovanni Cencetti (sull'ospitalità in Valdelsa nel medioevo).
Spigolature, recensioni e notiziario.
(Volume di pp. 96).

[In via di esaurimento, qualche copia solo per le Istituzioni culturali].

n. III/1 (1995)

Bibliografia della Via Francigena
(a cura di Fabrizio Vanni e Luciano Bassini)
Contiene 136 monografie, 35 tra Atti di convegni e letteratura grigia, 330 articoli.
Catalogazioni per autori e per soggetti.
Uno strumento unico nel suo genere, superato soltanto dai continui aggiornamenti su data base.
(Vedi alla pagina RICERCHE BIBLIOGRAFICHE).
(Volume di pp. 84).

n. III/2 (1995)

Numero miscellaneo
Contienente saggi di Fabrizio Raschellà (sul viaggio di Nikulas di Munkathvera), Renato Stopani (su quando e perché Sigerico andò a Roma), Fabrizio Vanni (sulla genesi del tratto toscano della Francigena), Giovanni Cencetti (sulla mansio di San Martino a Foci).
Recensioni e notiziario.
(Volume di pp. 84).

n. IV/1 (1996)

Numero miscellaneo
Contiene saggi di Giuseppina Carla Romby (su come si deve organizzare un "museo della strada"), di Alessandra Cenci (con Marta Giorgi e Fabio Lo Jacono sulla ricostruzione in loco del tracciato a ovest di Lucca), di Renato Stopani e Fabrizio Vanni (sul distretto stradale medievale del Montalbano).
Spigolature (si raccomanda quella di Stopani sui "falsi bordoni"), recensioni e notiziario.
(Volume di pp. 122).

n. IV/2 (1996)

San Gimignano e la via Francigena
Numero monografico con saggi Renato Stopani, Giovanna Casali, Fabrizio Vanni, Paola Landolfi, Giovanni Cencetti.
Un deciso cambio di prospettiva storica: San Gimignano non è tanto figlia della via Francigena, quanto piuttosto dei traffici commerciali tra Pisa, Siena e le città collegate a queste.
Recensioni sul tema.
(Volume di pp. 94).

n. V/1 (1997)

Tra due Romee. I collegamenti tra la via Francigena e la via dell'Alpe di Serra.
Atti del convegno tenuto a Rapolano Terme il 22 giugno 1996.
Contributi di Renato Stopani, Antonio Bacci, Fabrizio Vanni, Donatella Ciampoli, Divo Savelli, Giulio Pini, Mino Marchetti.
Un Convegno che, pur partendo da un inquadramento geostorico più vasto, si concentra sulla zona che sta tra Arezzo e Siena, la cosiddetta "Scialenga", area condizionata nel medioevo dall'impaludamento progressivo della Val di Chiana (vengono analizzati i ponti e i porti sulla palude) e dalle mire egemoniche delle due città, cui si aggiunge in seguito Firenze, come terzo incomodo.
Toccati anche gli aspetti artistico e agiografico.
Recensioni in tema.
(Volume di pp. 112).

Convegno Rapolano

n. V/2 (1997)

Numero miscellaneo
Contiene saggi di Andrea Tenerini (ricostruzione critica del tracciato francigeno in Versilia), di Giorgina Pezza (sugli itinerari dei pellegrini nella Lombardia occidentale tra Milano e Mrtara), di Giorgio Massola (sulle tracce del pellegrinaggio fra Torino e Casale Monferrato).
Recensioni dettagliate di Francesco Surdich, Renato Stopani, Fabrizio Vanni e Luciano Bassini.
Notiziario sulle manifestazioni del 1996 a cura di Fabrizio Vanni.
(Volume di pp. 112).

n. VI/1 (1998)

"Passent la terre, Toscane et Montbardon ...". I percorsi della via Francigena in Toscana.
Atti del convegno internazionale di studi tenuto a Montalcino il 23 e 24 maggio 1997, a cura di Renato Stopani e Fabrizio Vanni.
Contributi di Thomas Szabò, Wilhelm Kurze, Fabrizio Vanni, Luciano Bassini, Augusto Cesare Ambrosi, Paolo Pelù, Mauro Bertocchi, Renato Stopani, Giuseppina Carla Romby, Amleto Spicciani, Mario Ascheri, Andrea Vanni Desideri, Alberto Malvolti, Andrea Tenerini, Alessandra Cenci, Enrico Giannichedda, Dario Moricone, Paolo Morelli, Marco Valenti, Giovanna Casali, Donatella Ciampoli e Stelvio Mambrini.
Dalla Lunigiana alla Val d'Orcia, area per area, cittadina per cittadina, il punto di archeologi e geostorici sulla viabilità medievale in Toscana.
(Volume di pp. 248).

Convegno Montalcino

n. VI/2 (1998)

Ponti, navalestri e guadi. La via Francigena e il problema dell'attraversamento dei corsi d'acqua nel medioevo.
Atti del convegno internazionale di studi, tenuto a Piacenza, il 18 ottobre 1997, a cura di Renato Stopani e Fabrizio Vanni.
Contributi di Thomas Szabò, Pierre Racine, Renato Stopani, Giorgina Pezza Tornamè, Fabrizio Vanni, Renata Crotti, Amos Aimi, Angela Bottani, Gianni Battini.
La parte più impegnativa del viaggio medievale - l'attraversamento dei corsi d'acqua - esaminata in chiave filologica, archeologica, storica, geotopografica, anche alla luce dei ruoli politici istituzionali dell'epoca.
Una novità tematica quasi assoluta che sta facendo scuola nella ricerca medievistica.
(Volume di pp. 112).

Convegno Piacenza

n. VII/1 (1999)

Numero miscellaneo.
Contiene saggi di Giorgio Massola (su Bononio, abate del monastero di Lucedio in Piemonte e di quello di San Michele di Marturi presso Poggibonsi, due località tipicamente francigene), di Paola Novara (sulle croci viarie in Romagna), di Fabrizio Vanni (sui passi alpini occidentali nell'alto medioevo), di Alessio Salvini (sulla scoperta di una via lastricata sulle colline fiorentine tra Bagno a Ripoli e Rignano sull'Arno).
Trascrizione di documenti inediti sugli ospedali senesi lungo la via Francigena a cura di Mino Marchetti.
Spigolature di Renato Stopani (sulle origini del vescovado senese), di Mario Ascheri (sul libro sulla via Francigena della casa editrice Le Lettere), di Giorgina Pezza (sul convegno dedicato alla via Postumia).
Recensioni sintetiche relative a sedici monografie e ad un periodico, a cura di Fabrizio Vanni, Giorgina Pezza e Giorgio Massola.
(Volume di 93 p.)


n. VII/2 (1999)

Dalla via Francigena di Sigeric alla pluralità di percorsi romei in Lombardia.
Atti del convegno di studi tenutosi a Mortara il 19 settembre 1998.
Contributi di Adriano Cavanna, Renato Stopani, Giorgina Pezza, Fabrizio Vanni, Italo Rosato, Alessandro Savini, Claudia Maccabruni, Paola Castellini, Giancarlo Alberto Baruffi, Giancarlo Andenna, Giorgio Massola e con un intervento sulla teologia e il significato del pellegrinaggio di Monsignor Luigi Manganini.
Grande sforzo di studiosi specializzati e lombardi per dare un quadro esaustivo della viabilità internazionale lombarda nel medioevo, con particolare riguardo al triangolo Lomellina-Canton Ticino-Milano (con puntate su Vercelli, l'Oltrepò pavese e Piacenza). Toccati anche i temi artistici, agiografici, archeologici, e delle chansons de geste. Approfondimento indispensabile per coloro che hanno acquistato il catalogo della Mostra di Mortara. (v. QUADERNI E CATALOGHI).
(Volume di pp. 196).

Convegno Mortara

n. VIII/1 (2000)

Numero miscellaneo.
Contributi di Romana Serafini (su strutture di ospitalità, architettura e iconografia nell'alta Val di Taro fino al valico di Monte Bardone), di Adriano Gervasoni (sulla lettura "giubilare" della facciata della cattedrale di Fidenza), di Fabrizio Vanni (sulla distinzione tra pellegrinaggio medievale e controriformato), di Renato Stopani (sulle vie di pellegrinaggio in Puglia), di Giampietro Dore (sugli echi del pellegrinaggio medievale in Sardegna), di Bernardo Francesco M. Gianni (sulla Basilica di San Miniato al Monte), e le spigolature di Renato Stopani (su una testimonianza indiretta dell'antico itinerario romipeto della Valdelsa) e di Giorgio Massola (sugli accenni al pellegrinaggio nella "Legenda" di Guglielmo da Vercelli).
Seguono 12 recensioni a cura di F. Vanni, L. Bassini e M. L. Bressani.
(Volume di pp. 116).

n. VIII/2 (2000)


Le vie romipete del Mugello.

Contributi di Renato Stopani (Il Mugello, l"Alpe Fiorentina" e le vie per Roma), di Fabrizio Vanni (Indizi di viabilità a orizzonti sovraregionali nel Mugello altomedievale), di Antonio Stopani (Materiali per una storia delle strutture ospitaliere dell'area mugellana), di Marino Mengozzi (Da Parigi a Roma passando per il Mugello. L'itinerarium di un anonimo pellegrino francese del primo giubileo), di Luca Fedeli (Vestigia della viabilità mugellana nel medioevo. I ruderi del ponte di S. Giovanni in Petroio presso Bilancino).
Una ricognizione originale e completa sul ruolo della Valle di Sieve e del Mugello nella viabilità del medioevo.
(Volume di pp. 89).

Mugello

n. IX/1 (2001)


"A Yvoire descendi por mangier, a Vergiaus fist sa monoie cangier". Il Piemonte e la via Francigena.

Contributi di Renato Stopani (Dal documento al territorio. Considerazioni sulla ricostruzione degli itinerari della via Francigena nel Vercellese), di Marco Frati (Gli ospedali medievali in Piemonte. Appunti per una fenomenologia delle strutture materiali), di Giorgio Massola (Miracula Sancti Bononii: un osservatorio sul sociale), di Rinaldo Merloni (Monasteri, chiese e santi nei territori appartenenti agli aleramici. Secoli X e XII), di Fabrizio Vanni (Saggio di bibliografia sulla via Francigena in Piemonte e Valle d'Aosta).
Un primo contributo ricognitivo mirato dei percorsi romei che si snodano dal Gran San Bernardo e dal Moncenisio nella Padania Occidentale.
(Volume di 125 p.)

Piemonte

n. IX/2 (2001)


Il Lodigiano. Un'area di strada tra la Francigena e la via Romana

Contributi di Renato Stopani (La centralità del Lodigiano nel sistema delle vie di comunicazione della Padania nel medioevo), di Giorgina Pezza (Insediamenti cistercensi e viabilità medievale nel mondo padano. L'esempio di Cerreto), di Fabrizio Vanni (Le vie del Lodigiano nell'alto medioevo: indizi di una trama spezzata), di Giancarlo Alberto Baruffi (Appunti di ospitalità stradale dal tardo impero all'età dei giubilei e l'esempio medievale del Lodigiano), di Luciano Bassini (La letteratura italiana delle origini come fonte per l'individuazione dei principali percorsi viari del medioevo in Lombardia), di Angelo Stroppa (Sostare nel Lodigiano: il territorio, le istituzioni e l'Ospedale di S. Stefano dei Pellegrini Poveri. 1479-1774), di Albano Marcarini (La viabilità antica fra Pavia e Piacenza), di Anna Maria Boiardi, Maurizio Boriani, Susanna Bortolotto e Piero Favino (Le tracce del sistema centuriato del Lodigiano. Problemi di tutela e valorizzazione), di Giorgio Battini (All'incrocio della via fluviale: il Po come antico elemento di unione).
Atti del Convegno di studi di Orio Litta.
Nuove acquisizioni scientifiche su una terra ricca di storia e di ricordi di viaggi. Si ricordino le famose Diete di Roncaglia, non una località precisa, ma un'area del bassopiano padano in cui re e imperatori sostavano forzatamente col proprio esercito, ricevendo i sudditi, in attesa della costruzione di un ponte di barche per l'attraversamento del Po.
(Volume di 174 p.)

Lodigiano

n. X/1 (2002)


La "melior via" per Roma. La strada dell'Alpe di Serra, dalla valle del Bidente alla Val di Chiana"

Contributi di Alberto Fatucchi (La pluralità dei valichi appenninici tra Toscana e Romagna e i percorsi romei), di Matteo Foschi (La viabilità romagnola nel passaggio dall'epoca romana al medioevo), di Marino Mengozzi (Santuari e pellegrinaggi nella Diocesi di Cesena-Sarsina), di Pietro Caruso (Castelli, fortificazioni e potentati economici in Romagna), di Renato Stopani (Santa Maria a Partina, piviere di valico sulla via dell'Alpe di Serra), di Antonio Bacci (La via dell'Alpe di Serra da Arezzo a Bagno di Romagna e sue derivazioni), di Santino Gallorini (Condottieri, santi e pellegrini sulla strada per Roma. Da Arezzo al Trasimeno), di Giorgina Pezza (Sulle tracce di San Severo da Boppard a Perugia. Ipotesi di ricerca in rapporto al quadro itinerario degli Annales Stadenses), di Fabrizio Vanni (Abitanti dell'Appennino. Viabilità, storia e scambi culturali nell'alto medioevo. Ovvero: alla ricerca delle radici storiche e viarie di un'empatia diffusa).
Atti del Convegno di studi tenutosi il 25 e 26 maggio 2001 a Galeata, Arezzo e Bibbiena (a cura di Renato Stopani e Fabrizio Vanni).
(Volume di 155 p.)

Galeata-Arezzo


n. X/2 (2002)

Numero miscellaneo.
Contributi di Pietro Dalena (Le vie di pellegrinaggio medievale nel Mezzogiorno italiano), di Renato Stopani (I pellegrinaggi in Casentino. Dalle peregrinationes maiores al pellegrinaggio locale), di Giorgina Pezza (Alle radici cristiane d'Europa: il ruolo dei pellegrinaggi. Alcune testimonianze nell'area padana), di Giovanni Lunardi (L'ospitalità e l'accoglienza monastica nel medioevo), di Giovanna Lazzi (In Irlanda: il retaggio dei peregrini irlandesi in Toscana), di Elena Prevedello (Il pellegrinaggio medievale a Roma. Contributo per una bibliografia italiana degli anni 1980-2000).
Recensioni a cura di Giorgina Pezza e Luciano Bassini.
(Volume di 108 p.)



n. XI/1 (2003)


La Versilia e la via Francigena

Presentazione di Antonio Romiti. Contributi di Renato Stopani (La Versilia, ganglio delle correnti di pellegrinaggio del medioevo), di Franco Anichini (La Pieve di Camaiore. Architettura di una Pieve sulla via Francigena), di Luciano Bassini (Munt Chevrel/Cheverol: echi della via Francigena nella Chevalerie d'Ogier), di Andrea Tenerini (Annotazioni sull'attività ospitaliera dei monasteri benedettini in Versilia), di Fabrizio Vanni (Legami intervallivi. Ragioni politiche economiche e sociali delle diramazioni della via Francigena nella Versilia del medioevo).
Atti del Convegno di studi tenutosi il 9 luglio 2003 a Camaiore (a cura di Renato Stopani e Fabrizio Vanni).
(Volume di 75 p.)

Camaiore

n. XI/2 (2003)

Numero miscellaneo.
Contributi di Fabrizio Vanni (Santiago, dopo Gerusalemme e Roma. E La Mecca? Funzione euristica delle ipotesi non suffragate), di Renato Stopani (Le Alpi nel sistema delle vie di pellegrinaggio del medioevo), di Carlo Moggia (L'ospitalità nel medioevo. Ospedali di "pieve", ospedali signorili ed accoglienza dei pellegrini in Liguria: la Riviera di Levante nei secoli XII-XIII), di Giorgio Massola (La devozione del pellegrinare lungo le rive del Po tra Medioevo e controriforma).
Recensioni a cura di Renato Stopani e Fabrizio Vanni.
(Volume di 88 p.)




n. XII/1-2 (2004)

Numero monografico doppio. Dall'Italia a Canterbury. Culto e pellegrinaggio italiano per Thomas Becket

Presentazione di Edoardo Speranza. Introduzione di don Timothy Verdon (La fede degli italiani e San Tommaso Becket). Contributi di Julia Bolton Holloway (Ma noi siam peregrin come voi siete. Il santuario e il pellegrinaggio di Canterbury), di Giuseppe Ligato (L'affare Becket sullo sfondo della situazione italiana coeva), di Fabrizio Vanni (O felix Cantuaria. Il culto e il pellegrinaggio italiano a San Tommaso Becket nelle fonti del secolo XII), di Luciano Bassini (Thomas Becket nella letteratura medievale. Nascita di un genere letterario popolare: l'agiografia per le piazze), di Diana Webb (Pellegrini italiani e Thomas di Canterbury), di Giorgina Pezza (La memoria di San Tommaso di Canterbury nell'Italia settentrionale), di Renato Stopani (Pulsamus IIII. vicibus, sicut in summis festis. La nascita del culto per San Tommaso Becket a Firenze), e di Ambra Garancini (Tra antichi ospedali e antiche strade: geografia e storia del culto di Thomas Becket a Como).
Atti del Seminario di Studi di Firenze, 19 maggio 2004 (a cura di Renato Stopani e Fabrizio Vanni).
(Volume di 158 p. con una appendice di carte e illustrazioni a colori).

Canterbury



n. XIII/1-2 (2005)

Numero monografico doppio. Visioni e viaggi immaginari nel medioevo
a cura di Renato Stopani e Fabrizio Vanni. Contributi di Renato Stopani (Il pellegrinaggio virtuale del Petrarca al Santo Sepolcro), di Giorgio Massola (Il diavolo appare ad un pellegrino iacobeo e lo induce al suicidio) e di Fabrizio Vanni (Visiones e viaggi immaginari. Tipologie e ricerca delle relazioni concettuali tra due topoi altomedievali: primi approcci tassonomici).

(Volume di 108 p. con ill. e carte in bianco e nero. Dato che il volume non supera le 150 p., pur essendo considerato doppio, viene abbinato agli abbonati e agli acquirenti il volume San Gimignano nei secoli X-XII: da luogo detto a città di Renato Stopani, pubblicato in contemporanea come quaderno: vedi la relativa descrizione nella pagina Quaderni ).

Visioni

n. XIV/1 (2006)

Numero miscellaneo
a cura di Renato Stopani e Fabrizio Vanni. La prima parte del volume è rappresentata dal dossier “Le vie dei Balcani”, edito anche a parte con il titolo “La via Diagonalis: itinerario terrestre per Gerusalemme” in tiratura limitata e fuori distribuzione (per la presentazione a Sofia, con traduzione in bulgaro allegata) a cura di Renato Stopani e Fabrizio Vanni.
Comprende i saggi di Renato Stopani “La Francigena dei Balcani: la ‘Via Diagonalis’, itinerario terrestre per Gerusalemme” e il saggio di Fabrizio Vanni “Le vie terrestri dei Balcani - Alcuni indizi di continuità nel tempo”, seguito da “Piccola Toponomastica Latino-Balcanica” e “Piccola Cronologia Balcanica”, sempre a cura di Fabrizio Vanni.
La seconda parte del volume consiste nel saggio di Renato Stopani “La diffusione degli odonimi medievali ‘Via Francesca’ e ‘Via Francigena’” e nel saggio di Giampietro Dore “Nuove osservazioni e acquisizioni allo studio sulle ‘orme’ dei pellegrini”.

DSF-1-2006

n. XIV/2 (2006)

La via Francigena nella Valle d’Aosta
cura di Renato Stopani e Fabrizio Vanni. Contiene saggi di Renato Stopani (La Valle d’Aosta nel quadro delle comunicazioni a orizzonti sovraregionali dell’alto medioevo), di Pierpaolo Careggio (Le strade per incontrare Dio e gli ‘ospizi’ per accogliere gli uomini in Valle d’Aosta), di Fabrizio Vanni (La requisitoria di Liutprando contro le Alpi: ruolo di monti, valichi e clausures alpine nell’Antapodosis di Liutprando da Cremona), di Paolo Papone (Il pellegrinaggio nella Bibbia), di padre Caesar Atuire (Pellegrinaggio: rientrare in se stesso), di Segundo Vàzquez Portomeñe (Europa, peregrinacion y caminos), di Giorgio Massola (Qualche riflessione sulla valsesiana Beata Panacea: una cenerentola tra i santi) e di Fabrizio Vanni (Per un marketing culturale integrato dei territori francigeni. 1. Valle d’Aosta). (Volume di 91 p. ; ill. a colori e in b-n. nel testo).

StrataXIV206

n. XV/1 (2007)

La strada romea e gli itinerari romipeti dell’area emiliano-romagnola
Contiene saggi di Alfredo Santini (La Francigena Orientale: passato e futuro della direttrice Romea), di Renato Stopani ( Itinerari romipeti nell’area emiliano-romagnola), di Antonio Samaritani (Pellegrini e pellegrinaggi lungo la romea ferrarese), di Sandro Spolci (La via Romea e l’equilibrio terracqueo). (Volume di p. 61 ; ill. a colori e in b-n. nel testo).

StrataXV107

n. XV/2 (2007)

La via Francigena e la Bibbia Amiatina
Contiene saggi di Renato Stopani (Il pellegrinaggio degli angli a Roma nei secoli VII e VIII), di Sabina Magrini (La Bibbia Amiatina tra leggenda e storia), di Fabrizio Vanni (Una semplice copia “more romano”. Iroscoti, angli, franchi e romani alle origini della Bibbia Amiatina), di Melania Ceccanti (Figura senza figure. Il tabernacolo di Mosè nella Bibbia Amiatina). (Volume di 70 p. ; ill. a colori e in b-n. nel testo).

StrataXV207

n. XVI/1 (2008)

La via Francigena nell’alta Val di Magra
a cura di Renato Stopani e Fabrizio Vanni. Contiene saggi di Renato Stopani (Pontremoli, unica clavis et janua Tusciae), di Angelina Magnotta (La centralità della Cisa negli itinerari religiosi, commerciali e militari), di Francesca Allegri (Storie di santi, diavoli e pellegrini), di Riccardo Boggi (San Caprasio di Aulla, un’abbazia cercata e ritrovata), di Massimo Dadà e Antonio Fornaciari (L’ospedale medievale di San Giovanni a Pontremoli), di Fabrizio Vanni (Il labirinto di Pontremoli. Nuove acquisizioni) e di Massimo Tosi (Grafica didascalica ai fini dell’individuazione dei percorsi e valorizzazione dei monumenti). (Volume di 84 p. ; ill. in b-n. nel testo).

StrataXVI108

n. XVI/2 (2008)

Certaldo e la via Francigena
a cura di Renato Stopani e Fabrizio Vanni.
Contiene saggi di: Renato Stopani (Certaldo: un castello “figlio della strada”), Giovanni Cencetti (Ai primordi del turismo valligiano: Certaldo e dintorni), Francesca Allegri (Viaggio e pellegrinaggio), Fabrizio Vanni (Certaldo, le sue cipolle, lo zafferano e i caci di Lucardo; con un’aggiunta, non molto convinta, sulla verdea), Johnny Samuele Baldi (Strada che muove e strada che si sposta: qualche osservazione su alcune chiese suffraganee nella zona di Certaldo), Massimo Tosi (Tracce di Francigena nel territorio di Certaldo).

(Volume di 94 p. ; ill. a colori e in b-n. nel testo).

jpg/StrataXVI208


omino3.gif Home